Comune di Grottaferrata
Pubblica amministrazione

GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEI Servizi nell’ambito della esternalizzazione del procedimento sanzionatorio amministrativo e dei conseguenti adempimenti, relativi alla elaborazione, postalizzazione e notificazione dei verbali di accertamento di sanzioni amministrative per violazioni a norme del Codice della Strada ed alle altre norme di legge che prevedono sanzioni amministrative, ai regolamenti ed ordinanze comunali, nonché delle attività amministrative strumentali, integrative e correlate alla notificazione degli atti, incluse le riscossioni sia volontaria che coattiva, accertate dalla Polizia Locale del Comune di Grottaferrata

Oggetto: GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEI Servizi nell’ambito della esternalizzazione del procedimento sanzionatorio amministrativo e dei conseguenti adempimenti, relativi alla elaborazione, postalizzazione e notificazione dei verbali di accertamento di sanzioni amministrative per violazioni a norme del Codice della Strada ed alle altre norme di legge che prevedono sanzioni amministrative, ai regolamenti ed ordinanze comunali, nonché delle attività amministrative strumentali, integrative e correlate alla notificazione degli atti, incluse le riscossioni sia volontaria che coattiva, accertate dalla Polizia Locale del Comune di Grottaferrata
Tipo di fornitura:
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 1.315.006,50
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 1.315.006,50
CIG: 828934363D
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Polizia Locale
Data pubblicazione: 19 maggio 2020 18:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 12 giugno 2020 23:59:00
Data scadenza: 22 giugno 2020 12:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Domanda di partecipazione
  • Autocertificazione
  • Documento di Identità
  • Contributo ANAC
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi
  • Modello 2

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
DETERMINA PROROGA TERMINI 05/06/2020 15:02 Altri Documenti
MODELLO 1 12/06/2020 14:56 Altri Documenti
MODELLO 2 12/06/2020 14:56 Altri Documenti
MODELLO 3 12/06/2020 14:57 Altri Documenti
MODELLO 4 12/06/2020 14:57 Altri Documenti
TABELLA FAQ 15 12/06/2020 15:13 Altri Documenti
PROVVEDIMENTO AMMISSIONE / ESCLUSIONE 26/06/2020 16:20 Altri Documenti
DETERMINA DI AGGIUDICAZIONE 03/07/2020 16:17 Atti di aggiudicazione
VERBALE N. 1 DEL 24/06/2020 26/06/2020 16:21 Verbali
VERBALE N. 2 DEL 26/06/2020 03/07/2020 16:16 Verbali
VERBALE N. 3 DEL 3/07/2020 03/07/2020 16:16 Verbali

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

CHIARIMENTO N. 1 SU IMPULSO DELLA STAZIONE APPALTANTE

Risposta:

Con riferimento al requisito di capacità economica e finanziaria di cui al p. III.2.2.b) del bando di gara, al p. 7.2 lett. b) del disciplinare di gara nonché nell’istanza di partecipazione (Modello 1), p. 7), pag. 9, occorre precisare che l’Ente intende richiedere il “Possesso di un fatturato SPECIFICO, riferito all'ultimo triennio almeno pari complessivamente ad almeno 900.000,00 EURO riferito all’espletamento dei servizi analoghi a quelli oggetto dell’appalto”. La dicitura “globale di impresa”, inserita quale mero refuso, è da sostituirsi quindi con “specifico”.

Si coglie l’occasione per precisare che, sempre con riferimento al medesimo requisito, nel modello 1 - “Istanza di Partecipazione”, p. 7), pag. 9, lo schema è da sostituirsi con il seguente:

 

Annualità di riferimento

Importo

Committente

Oggetto di affidamento

 

€ ………………………………………

 

 

 

€ ………………………………………

 

 

 

€ ………………………………………

 

 

 

€ ………………………………………

 

 

 

€ ………………………………………

 

 

 

€ ………………………………………

 

 

 

FAQ n. 2

Domanda:

CHIARIMENTO N. 2 SU IMPULSO DELLA STAZIONE APPALTANTE

Risposta:

In applicazione dell’art. 65 del D.L. 19 maggio 2020 n. 34, “Le stazioni appaltanti e gli operatori economici sono esonerati dal versamento dei contributi di cui all’articolo 1, comma 65, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 all’Autorità nazionale anticorruzione, per tutte le procedura di gara avviate dalla data di entrata in vigore della presente norma e fino al 31 dicembre 2020”.

NON È QUINDI DOVUTO IL CONTRIBUTO IN FAVORE DELL’ANAC.

Si intendono non rese le seguenti prescrizioni:

- p. V.3), primo periodo, del bando di gara;

- art. 12 del disciplinare di gara;

- art. 15.3.2., n. 3. del disciplinare di gara;

- la relativa sezione nei modelli di partecipazione.

FAQ n. 3

Domanda:

CHIARIMENTO N. 3 SU IMPULSO DELLA STAZIONE APPALTANTE

Risposta:

Occorre precisare che il criterio di valutazione dell’offerta tecnica, lettera L, “Rating di legalità (max un punto per ogni stella conseguita)”, in caso di Raggruppamento temporaneo di Imprese sarà attribuito nella seguente modalità: somma stellette possedute dai componenti il RTI diviso il numero di partecipanti al RTI stesso.

Si rammenta altresì che non è conforme alla normativa di settore il ricorso all’avvalimento al fine di avvantaggiarsi di elementi valutati nell’ambito dell’offerta tecnica e nel caso di specie ai fini dell’attribuzione del punteggio relativo al Rating di Legalità. Come ribadito dai giudici amministrativi, nelle procedure ad evidenza pubblica l’avvalimento ha la funzione di consentire al concorrente sfornito di alcuni requisiti di ammissione alla gara, di parteciparvi ugualmente acquisendo i requisiti mancanti da altro operatore economico che li possieda, ma non può tramutarsi in uno strumento volto a conseguire una più elevata valutazione dell’offerta (TAR Toscana, Sez. II, 6/02/2019, n. 185; Cons. Stato, Sez. V, 8/11/2012, n. 5692; Sez. VI, 19/3/2015 n. 1422 e 18/9/2009, n. 5626). In altri termini, i requisiti oggetto di avvalimento non possono essere considerati ai fini dell’attribuzione del punteggio di merito

FAQ n. 4

Domanda:

Con la presente siamo a formulare le seguenti richieste di chiarimento:

1. si chiede di chiarire se, a seguito della presentazione delle dichiarazioni di inesigibilità dei carichi affidati in riscossione, le spese postali, di notifica e di procedure ex D.M. 20/11/2000 Tabelle A e B verranno rimborsate all'aggiudicatario e con quali modalità e tempistiche;

2. si richiede, in caso di partecipazione in RTI, quali requisiti dovranno essere posseduti dalla capogruppo e quali dalle imprese mandanti, nonché chiarire le eventuali percentuali di possesso. 

Risposta:

Si chiarisce quanto segue:

1 - come previsto dall'articolo 2, p. 1.7 del Capitolato, ultimo periodo: "Le occorrende spese di notificazione verranno, parimenti alle ipotesi già considerate, sostenute anticipatamente e per intero dall’Aggiudicatario; le stesse saranno rimborsate per intero all’Aggiudicatario nel caso che i soggetti obbligati/intimati abbiano proceduto al pagamento delle pratiche/partite coattive, mentre saranno rimborsate nella misura del 50% in ogni altra, diversa casistica, previa presentazione di dichiarazione di inesigibilità nei casi previsti dalla normativa giuridica";

2 - i requisiti di idoneità e di ordine generale (art. 7.1 del disciplinare di gara) devono essere posseduti singolarmente da tutti gli operatori che costituiscono il Raggruppamento Temporaneo di Imprese. I requisiti di capacità economico e finanziaria [art. 7.2, lett. a) e b)] e di capacità tecnica [art. 7.3, lett. a) e b)] saranno da valutarsi in modo cumulativo, attraverso la sommatoria delle capacità che fanno capo a tutte le Imprese costituenti il RTI. La mandataria in ogni caso deve possedere i suddetti requisiti di capacità ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria. Le certificazioni di qualità previste nel disciplinare di gara [art. 7.3, lett. c)] debbano essere singolarmente possedute da ciascuna delle imprese partecipanti al raggruppamento. Ad ogni modo, ai sensi dell’art. 89, comma 1, primo periodo, D.Lgs. 50/16: “L'operatore economico, singolo o in raggruppamento di cui all'articolo 45, per un determinato appalto, può soddisfare la richiesta relativa al possesso dei requisiti di carattere economico, finanziario, tecnico e professionale di cui all'articolo 83, comma 1, lettere b) e c), necessari per partecipare ad una procedura di gara, e, in ogni caso, con esclusione dei requisiti di cui all'articolo 80, avvalendosi delle capacità di altri soggetti, anche partecipanti al raggruppamento, a prescindere dalla natura giuridica dei suoi legami con questi ultimi”.

FAQ n. 5

Domanda:

L’art. 16 “CONTENUTO DELLA “BUSTA TELEMATICA (B) – OFFERTA TECNICA”” del disciplinare di gara, nella seconda parte (Criteri di valutazione) prevede, alla lettera E, l’assegnazione di un massimo di 12 punti per “Modalità di conversione dati dal software gestionale in uso presso il Comando di Polizia Locale al software proposto (dalla data in cui i dati e i relativi tracciati sono resi disponibili)”; Orbene, al fine di poter formulare una offerta, il più possibile congeniale alle esigenze della S.A., lo scrivente operatore economico chiede che, la stessa, specifichi quali sono le banche dati in uso all’Amministrazione sulle quali bisogna effettuare la conversione richiesta. 

Risposta:

Si comunica che le banche dati attualmente in uso alla Polizia Locale sono:

1. M.C.T.C. Ministero Infrastrutture e Trasporti ex M.C. per visure e invio punti ( decurtazioni di cui all’art. 126/bis C.d.S.);

2. A.C.I.;

3. INI.PEC Per notifiche verbali a mezzo pec;

4. SIATEL; Apparecchiature in uso:

5. GATSO GTC GS11 matricola 1890 Software in uso: CONCILIA ( su Cloud Esterno).

Attualmente il software in uso si interfaccia con tutte le banche dati in possesso del Comando. Importa automaticamente le immagini del Velox e gli indirizzi ed aggiornamenti delle anagrafiche richiesti massivamente.

FAQ n. 6

Domanda:

Si richiede di conoscere e mettere a disposizione degli operatori economici il Piano Economico Finanziario della procedura in oggetto. Distinti saluti

Risposta:

Si chiarisce che il valore dell’affidamento – presunto, assolutamente indicativo e non vincolante – è stato definito giusta quanto indicato all’art. 6 del Capitolato d’appalto.

FAQ n. 7

Domanda:

Quesito n. 1: In merito ai requisiti di capacità tecnica (paragrafo 7.3) di pagina 22 del Disciplinare di gara si chiede conferma se un servizio analogo prestato in favore di una Provincia (con abitanti della Provincia > 25.000) concorra alla soddisfazione del requisito previsto alla lettera a) del punto 7.3. Quesito n. 2: In merito alla richiesta (paragrafo 17 pag. 16 del disciplinare di gara) di assolvimento del bollo da apporre sull'offerta economica a mezzo di versamento F23, si chiede cortesemente se è possibile procedere in alternativa con l'apposizione diretta della marca da bollo sul modello da Voi predisposto.

Risposta:

Si chiarisce che:

1. l’art. 7.3 lett. a) del disciplinare di gara richiede che “Ciascun operatore economico dovrà dimostrare di aver espletato, nel corso dell’ultimo triennio dalla data di pubblicazione del bando, in un Comune o istituzione analoga (esempio: Comunità Montana, Unione di Comuni, ecc.), con contratto unico, con buon esito, senza incorrere in gravi contestazioni, senza l’instaurazione di un contenzioso e nel pieno rispetto delle clausole contrattuali, almeno due servizi analoghi a quelli oggetti dell’appalto, della durata minima di 2 anni consecutivi nel triennio e per un bacino di utenza non inferiore a 25.000 (venticinquemila) abitanti/anno per ciascun servizio per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento in ciascun servizio. Il numero di abitanti si considera pari a quello risultante dal documento ISTAT rilevante la popolazione al 31 dicembre dell’anno precedente o da altre rilevazioni ufficiali della pubblica amministrazione e relativo ad un unico contratto”. I servizi richiesti sono quindi due;

2. la risposta è affermativa: è possibile procedere con l'apposizione diretta della marca da bollo sul modello messo a disposizione.

FAQ n. 8

Domanda:

In merito alla Vs risposta ai chiarimenti posti (rif. FAQ n. 4), siamo a richiedere ulteriori precisazioni: 1)si richiede di riscontrare espressamente se, in caso di inesigibilità, verranno rimborsati all'aggiudicatario del servizio, oltre ai diritti di notifica come già precisato, anche i diritti di procedura previsti dal D.M. 20/11/2000 Tabelle A e B (es. diritti per iscrizioni di fermo amministravo, diritti per pignoramenti presso terzi, ecc...)., in caso di risposta affermativa si richiede di precisare con quali modalità e tempistiche verranno rimborsati i diritti sopra citati; 2)si richiede di precisare se, in caso di inesigibilità, il rimborso delle spese di notificazione anticipate dall'aggiudicatario del servizio, nella misura già precisata, comprendono anche le spese di notifica inerenti gli atti emessi per le procedure esecutive attivate ex lege. Distinti saluti.

Risposta:

Si precisa che il richiamato articolo 2, p. 1.7 del Capitolato, ultimo periodo, disciplina che “saranno rimborsate nella misura del 50% in ogni altra, diversa casistica, previa presentazione di dichiarazione di inesigibilità nei casi previsti dalla normativa giuridica". Le modalità e le tempistiche saranno quelle previste dalla normativa vigente.

FAQ n. 9

Domanda:

1) In riferimento all’art 1 comma 2 lett. d) si chiede conferma che quanto ivi riportato “L’appaltatore dovrà sostenere le relative spese/importi [di notifica] e ciò senza alcun onere aggiuntivo per il CPL” sia un refuso, infatti al successivo art. 5 comma 1 viene indicato che l’appalto non riguarda “la notificazione degli atti a mezzo Posta […] per i quali si farà affidamento ai soggetti istituzionali pre-individuati della legge”. Si chiede quindi conferma che la presente procedura di gara non comprenda l’attività di notifica e che pertanto tutti i costi relativi alla notifica dei verbali (fase volontaria, non coattiva) saranno sostenuti dalla Stazione Appaltante e non rientrino nella base d’asta. 2)Si chiede conferma che l’importo di Euro 6,00 al netto del ribasso offerto verrà corrisposto all’aggiudicatario anche per i verbali inviati a mezzo PEC.

Risposta:

Si precisa che: 1. L’appaltatore dovrà anticipare interamente i costi relativi alla notifica dei verbali di cui all’art. 1 comma 2, lettera d) del Capitolato. Dette spese, saranno rimborsate dal CPL – Stazione appaltante, a seguito di presentazione fattura, in quanto l’appaltatore del servizio è tenuto unicamente all’anticipazione delle stesse, ai sensi dell’art. 10 punto 5 del Capitolato; 2. L’importo di euro 6,00 al netto del ribasso offerto in sede di gara, ai sensi dell’art. 3 del Disciplinare, verrà corrisposto all’appaltatore per il servizio relativo ad ogni atto inserito al sistema data-entry e postalizzato, sia esso inviato tramite il servizio postale o tramite servizio PEC, al netto delle spese di spedizione e notificazione se e come dovute.

FAQ n. 10

Domanda:

Si chiede di confermare che un servizio di gestione delle sanzioni amministrative prestato nei confronti di una amministrazione provinciale è da considerarsi del tutto analogo a quello prestato nei confronti dei Comuni o di loro associazioni e, quindi valido per essere considerato uno dei due servizi ai fini del soddisfacimento del requisito di capacità tecnica di cui al punto 7.3 del Disciplinare di Gara

Risposta:

Si precisa che da quanto ivi riferito la risposta sembrerebbe affermativa ma gli approfondimenti del caso andranno effettuati in sede di gara.

FAQ n. 11

Domanda:

QUESITO 1 – Volumi offerta economica Fermo restando il volume totale di atti stimati pari a 132.133 si chiede di meglio specificare i volumi stimati per entrambe le voci di offerta ovvero quanti relativi al data entry (€ 2,90) e quanti relativi alla postalizzazione (€ 6,00). Quesito 2 – Bollettari cartacei Si chiede di indicare il volume medio annuo di bollettari da fornire suddivisi per tipologia (es. avvisi, contestati, extra cds, ecc.) e le relative caratteristiche salienti (es. dimensioni, nr. di verbali per blocco, numero di fogli per verbale, modello ccp, ecc.). Quesito 3 – Notifica tramite PEC Si chiede di indicare se il Comando sia in possesso di casella PEC massiva per la notifica dei verbali (se si indicare quale) o se la stessa dovrà essere fornita dall’aggiudicatario del servizio. Quesito 4 – Verbali esteri Si chiede di indicare il numero medio annuo di verbali esteri da gestire. Quesito 5 – Volumi di lavorazione Al fine di valutare in modo congruo gli impegni tecnico/economici della presente Gara si chiede di indicare i seguenti volumi medi annui: 1. avvisi cartacei 2. contestati cartacei 3. verbali redatti con strumentazione elettronica (suddivisi per fonte di accertamento es. ztl, rosso, velocità, palmari, ecc.) 4. rinotifiche da gestire (cambi proprietà, leasing, noleggio, ecc.) 5. dichiarazioni trasgressore in merito alla decurtazione punti 6. verbali da spedire 7. lettere pre ruolo da spedire 8. ingiunzioni da spedire 9. riscorsi suddivisi tra Prefetto e GDP Quesito 6 – Software gestionale Si chiede conferma che per “cloud computing in uso” (art. 3 del Capitolato) si intenda la possibilità, per l’aggiudicatario, di fornire il software gestionale direttamente da un “proprio cloud” e quindi esterno all’Ente.

Risposta:

Si precisa che:

Quesito 1 – si comunica che del volume complessivo totale di atti stimati pari a numero 132.133, circa 1/4 vengano inseriti con sistema data-entry, mentre il totale degli atti stimati sono relativi ed assegnati alla fase di postalizzazione e notificazione, con o senza inserimento a sistema data-entry da parte dell’aggiudicatario del servizio.

Quesito 2 – i bollettari utilizzati mediamente in un anno sono circa 150 (non ci sono distinzioni tra tipologie) con le seguenti caratteristiche: • Formato 17 x 13. • Con n. 20 verbali/preavvisi per bollettario, in triplice copia a ricalco e con allegato bollettino TD451 di versamento in ccp riportante il numero del verbale. • Personalizzazione con logo comunale, altri dati aggiuntivi di stampa a richiesta del CPL.

Quesito 3 – la casella di Pec massiva dovrà essere fornita e messa a disposizione dall’aggiudicatario.

Quesito 4 – trattasi di servizio da attivare a richiesta del CPL, ai sensi dell’art. 1 lettera i) del Capitolato. Sulla base dei dati storicizzati in atti d’archivio, allo stato attuale, si stimano in media un numero pari all’1% del totale.

Quesito 5 – i volumi di lavorazione possono essere stimati, ponderatamente, con approssimazione, sulla base dei dati storicizzati in atti d’archivio, tenendo conto della variabilità dei dati circa la propensione individuale alla commissione di infrazioni alle norme del Codice della Strada, come di seguito: DATI MEDI ANNUI: • Atti cartacei da inserire stimati in n. 6.600 circa. • Atti rilevati con strumentazione elettronica stimati in n. 16.500 circa. • Atti da rinotificare stimati in n. 3.000 circa. • Atti relativi alle comunicazioni art. 126-bis stimati in n. 1400 circa. • Atti relativi alle lettere pre-ruolo stimati in n. 2400 circa. • Atti relativi alle ingiunzioni stimati in n. 1900 circa. • Atti relativi ai ricorsi al Prefetto stimati in n. 100 circa. • Atti relativi ai ricorsi al G.d.P. stimati in n. 35 circa.

Quesito 6 – si conferma che il software gestionale dovrà essere fornito direttamente e messo a disposizione dall’aggiudicatario del servizio, su cloud esterno.

FAQ n. 12

Domanda:

Volevamo segnalare che all'interno della procedura telematica al passo 3 OFFERTA TECNICA il campo relativo a "Eventuali documenti integrativi" è segnato come obbligatorio e da firmare digitalmente ed impedisce la prosecuzione della procedura. Chiediamo gentilmente indicazioni per ovviare al problema.

Risposta:

Si precisa che ciascun partecipante nella sezione dedicata all’offerta tecnica dovrà allegare il modello 3 predisposto dall’Ente nonché la relazione tecnica predisposta in ottemperanza a quanto richiesto dalla S.A.

FAQ n. 13

Domanda:

Al fine di poter valutare correttamente la stima dei tempi necessari ad espletare le attività di start up previste dal capitolato d’oneri nonché oggetto di valutazione (“Criteri di valutazione”, pag. 17 del Disciplinare di Gare), si chiede che vengano messi a disposizione i tracciati record da utilizzare per la conversione dei dati, prima della scadenza indicata per la presentazione delle offerte. La disponibilità dei tracciati record è difatti imprescindibile al fine di poter dichiarare i tempi di cui al criterio “C” (Descrizione e tempi della fase di start up) e al criterio “E” (Modalità di conversione dati dal SW gestionale in uso) del disciplinare di gara (pag. 17/22 del Disciplinare di Gara)

Risposta:

Si precisa che i dati relativi ai tracciati record, corrispondenti al data-base attualmente in possesso ed in uso al CPL, sono stimati in circa 95 megabyte, mentre la parte riservata agli allegati occupa circa 93 gigabyte, per la conversione dati dal software gestionale in uso.

FAQ n. 14

Domanda:

QUESITO N. 1 Il Modello 1 al punto 8 riporta: “di aver espletato, nel corso dell'ultimo triennio dalla data di pubblicazione del bando, in un Comune o istituzione analoga, con contratto unico, con buon esito, senza incorrere in gravi contestazioni, senza l'instaurazione di un contenzioso e nel pieno rispetto delle clausole contrattuali, almeno due servizi analoghi a quelli oggetti dell'appalto, della durata minima di 2 anni consecutivi nel triennio e per un bacino di utenza non inferiore a 25.000 (venticinquemila) abitanti/anno per ciascun servizio per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento in ciascun servizio”. a) Si chiede conferma, anche in previsione di una più ampia partecipazione alla gara, che possano essere presentati contratti disgiunti per i servizi di gestione e riscossione svolti comunque per il medesimo Ente b) Si chiede inoltre di meglio specificare quanto riportato dal Modello 1 al punto 8) con riferimento all’importo minimo da considerare e precisamente: “per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento in ciascun servizio” QUESITO N. 2 Disciplinare di gara art. 10 Garanzia: Si chiede conferma che l’importo della garanzia dovrà essere di €. 26.300,13 salvo quanto previsto all’art. 93 c. 7 del D.Lgs 50/2016; QUESITO N. 3 Disciplinare di gara art. 15.2 - DGUE: Si chiede conferma che il DGUE dovrà essere caricato solo sulla piattaforma e non su supporto informatico QUESITO N. 4 Disciplinare di gara art. 17 – Offerta economica e Modello 4 – Offerta economica: Dal Disciplinare di gara sembrerebbe che l’offerta economica debba essere formulata con un ribasso percentuale sugli importi posti a base di gara di €. 2,90 e €. 6,00 e con la percentuale di aggio sul riscosso rispetto alla base d’asta del 13%. Il modello prevede un ribasso su entrambi i valori (corrispettivi e aggio); si chiede cortesemente di indicare come dovrà essere formulata l’offerta economica

Risposta:

Si precisa che:

1. La richiesta di cui al requisito di ammissione è chiara: “nel corso dell’ultimo triennio…almeno due servizi analoghi a quelli oggetti dell'appalto, della durata minima di 2 anni consecutivi nel triennio e per un bacino di utenza non inferiore a 25.000 (venticinquemila) abitanti/anno per ciascun servizio per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento in ciascun servizio”. L’importo biennale di ciascun servizio analogo indicato dovrà essere almeno pari ad euro 526.002,60;

2. L'offerta è corredata da una garanzia fideiussoria, denominata "garanzia provvisoria" pari al 2 per cento del prezzo base indicato nel bando, sotto forma di cauzione o di fideiussione, a scelta dell'offerente (art. 93, comma 1, D.Lgs. 50/16). L’importo della garanzia può essere ridotto ai sensi del comma 7, dell’art. 93 del D.Lgs. 50/16;

3. Ciascun partecipante è libero di scegliere la modalità di compilazione del DGUE;

4. Il modello di cui all’offerta economica, in applicazione della formula di cui all’art. 19 del disciplinare di gara, richiedono due ribassi percentuali in quanto essi ribassi saranno poi applicati alle basi d’asta indicate nella lex specialis e quindi ad (a) €. 2,90 per ogni atto inserito a sistema (Data-Entry) ed €. 6,00 per ogni atto inserito e postalizzato /notificato IVA. esclusa e al netto delle spese postali espresso in cifre e lettere (IVA esclusa); (b) 13% quale aggio sul riscosso.

FAQ n. 15

Domanda:

Ai fini di una corretta stima delle tempistiche necessarie all’esecuzione delle attività, si chiede di: a) esplicitare il n° dei dispositivi elettronici per il rilevamento automatico delle sanzioni attualmente in dotazione alla stazione appaltante; b) esplicitare, in elenco, le specifiche tecniche di ogni dispositivo (Marca, Modello) c) sommaria descrizione delle modalità di integrazione/acquisizione dati da parte del Software gestionale (Flusso Batch, web service, altro), nonché i relativi tracciati record/specifiche di riferimento; Si chiede altresì di conoscere il nome dell’intermediario del nodo di pagamento e una sommaria descrizione delle specifiche del SW.

Risposta:

Si precisa che:

a) attualmente il CPL acquisisce verbali in automatico da un apparecchio di rilevamento automatico della velocità dei veicoli in transito in stazione fissa, e dai palmari in dotazione alla società di gestione delle aree di sosta a pagamento presenti sul territorio comunale.

b) - la misurazione elettronica della velocità è effettuata dall’apparecchiatura GATSO GTC – GS11 approvato con decreto 2131 del 15/04/2011 matricola 1890; - i palmari in dotazione alla società di gestione delle aree di sosta a pagamento sono della società HIS.

c) modalità di integrazione/acquisizione dati:

I. Il modulo di validazione Gatso permette di estrapolare le violazioni “Validate” in un file in formato csv con relative immagini. Il file contente le informazioni è denominato GastoEvents.csv viene creato all’interno di una cartella con le immagini relative alla violazione. La cartella è nominata con la data e ora in cui è avvenuta l’estrazione (es. “20130429164953”). All’interno della cartella esiste 1 immagine per ogni violazione in caso di velocità e 2 immagini per ogni violazione in caso di passaggio con il rosso. Le violazioni per essere esportate nel file devono avere uno stato “Validazione Confermata”, dopo l’esportazione esse passano allo stato “Trasmesso”. La struttura del file csv è la medesima sia per violazioni velocità che rosso, tuttavia alcuni campi sono valorizzati solo per una violazione specifica, come indicato nella tabella estraibile al seguente link: https://grottaferrata.acquistitelematici.it/tender/69

1) Parametrizzabile nella gestione “Utenti”

2) Parametrizzabile nella gestione “Tipi veicolo”

3) Parametrizzabile nella gestione “Nazioni”

4) Parametrizzabile nella gestione “Apparecchiature”

5) Parametrizzabile, attualmente non previsto dal C.d.S.

All’interno del file csv possono esistere solo violazione di una tipologia e non coesistere violazioni rosso e velocità assieme.

Le immagini delle violazioni sono esportate in formato Jpeg, la cui dimensione e definizione è parametrizzabile nell’opzioni di esportazione.

II. Per i palmari si utilizza un tracciato record concordato a campi fissi, scaricato in autonomia dal CPL all'interno del portale HIS. Il file di testo viene successivamente importato nel software di gestione delle sanzioni secondo le metodologie indicate dagli sviluppatori dello stesso.

Per quanto riguarda le specifiche dei tracciati, vengono fornite dai suddetti software ed adottate da HIS 21;

d) intermediario del nodo di pagamento è un Partner Tecnologico Società Advanced Systems Spa riconosciuto da Agid ed individuato dall’Amministrazione Comunale, non trattasi tecnicamente di software bensì di piattaforma in cloud certificata da Agid, gestita dalla medesima Società Advanced Systems Spa CF 03383350638 — P.IVA 03743021218.

FAQ n. 16

Domanda:

Si chiede conferma che la dicitura "per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento in ciascun servizio" contenuta al punto 8 del Modello 1 (Domanda di partecipazione), costituisce refuso in quanto sia il Disciplinare (punto 7.3 lett.a) che il Bando di gara (punto III.2.3.a) riportano il requisito come segue: Ciascun operatore economico dovrà dimostrare di aver espletato, nel corso dell'ultimo triennio dalla data di pubblicazione del bando, in un Comune o istituzione analoga (esempio: Comunità Montana, Unione di Comuni, ecc..), con contratto unico, con buon esito, senza incorrere in gravi contestazioni, senza l'instaurazione di un contenzioso e nel pieno rispetto delle clausole contrattuali, almeno due servizi analoghi a quelli oggetto dell'appalto, della durata minima di 2 anni consecutivi nel triennio e per un bacino di utenza non inferiore a 25.000 (venticinquemila) abitanti/anno per ciascun servizio. Il numero di abitanti si considera pari a quello risultante dal documento ISTAT rilevante la popolazione al 31 dicembre dell’anno precedente o da altre rilevazioni ufficiali della pubblica amministrazione e relativo ad un unico contratto.

Risposta:

Si precisa che non vi è alcun refuso, in quanto il periodo da prendere a riferimento è il triennio antecedente la data di pubblicazione del bando e ciascun partecipante – in detto triennio – dovrà aver espletato almeno due servizi analoghi, della durata di due anni ciascuno e per un bacino di utenza non inferiore a 25.000 (venticinquemila) abitanti/anno per ciascun servizio, per un importo sul biennio almeno pari a quello biennale di affidamento [rif. Art. 7.3. lett. a) del disciplinare di gara].

FAQ n. 17

Domanda:

In riferimento al chiarimento ricevuto (FAQ n°13) non si ritiene utile, ai fini di una corretta stima delle tempistiche necessarie all’esecuzione delle attività, la conoscenza dei megabyte relativi ai tracciati. Si rinnova la richiesta – anche ai fini di evitare asimmetrie informative tra i concorrenti – di mettere a disposizione i tracciati record da utilizzare per la conversione dei dati, prima della scadenza indicata per la presentazione delle offerte. Si precisa che per “tracciato record” si intende l’insieme delle entità logiche e fisiche in grado di consentire l’inizializzazione della base dati ed il pieno esercizio in produzione secondo il sistema premiante riportato nella griglia di valutazione di cui al criterio “E” (Modalità di conversione dati dal SW gestionale in uso) del disciplinare di gara (pag. 17/22 del Disciplinare di Gara). A titolo meramente esemplificativo ma non esaustivo, si riporta l’elenco delle entità di base necessarie: Tabelle di decodifica anagrafiche di base: Anagrafica Agenti di Polizia Locale (Matricola, Attivo o meno in servizio, Grado, Nominativo) Prontuario delle sanzioni Codice della strada/Sanzioni amministrative Tipo di soggetto P=Proprietario ; C=Conducente; L=Locatario ; G=Genitore Tipologia di veicolo A=Autoveicolo; M=Motoveicolo ; C=Ciclomotore ; T=Trattore ; U=Autocarro Serie Verbale A=Avviso ; S=Sommario Processo verbale ; V=Velox ; R=Semaforico,…. Codifica delle segnalazioni PD=Presentazione documenti ; SP=Sospensione patente ; PC=Presentazione Carta di Circolazione ; PA=Presentazione Assicurazione;…. Causali di chiusura 01=Pagamento totale ; 02=Pagamento parziale ; 10=Pagamento in eccesso ; 05=Passaggio a ruolo; AN=Verbale annullato…. Metadati dei rilevatori Modello, Serie, Decreto Ministeriale, Omologazione, Matricola, Taratura, ecc… Causali di mancate contestazioni Autovettura non rimossa per indisp. Carro attrezzi…. Utenti Active Directory (Profilatura Nucleo Centrale JEnte) che accederanno alla procedura Ruoli applicativi Sola visualizzazione/Modifica/inserimento; Gestione Cassa; Gestione ruoli…. A queste entità, che abbiamo definito “anagrafiche di base”, dovranno essere aggiunte le tabelle specifiche dei verbali, dei corrispettivi pagati, di ciò che è andato a ruolo, dei contenziosi, etc… Anche in questo caso per una corretta definizione dei tempi di migrazione, la cui durata è richiesta dai documenti di gara, sarà indispensabile che la S.A. indichi sia l’elenco delle Tabelle coinvolte che, per ogni tabella, il dettaglio delle informazioni che compongono la tabella stessa.

Risposta:

Si precisa che, l’attività di trascodifica potrà essere effettuata dalla Società aggiudicataria del procedimento di gara in autonomia utilizzando i dati presenti all’interno del software “Concilia”, di proprietà dell’Ente. I suddetti dati, saranno disponibili non criptati e nel caso richiesto gli stessi verranno messi a disposizione in un’area FTPS dedicata. Si elencano di seguito ulteriori informazioni tecniche: - Tipologia database (DBMS): PostgreSQL 10.5; - Dimensioni del database: 113 MB; - Dimensioni degli allegati fisici: 93 GB Qualora l’aggiudicatario del servizio, in corso di esecuzione, ritenga di aver necessità di qualche dato accessorio e aggiuntivo, i tempi che saranno indicati nell’offerta si intenderanno con decorrenza da quando la stessa Società avrà tutti di dati.

FAQ n. 18

Domanda:

In riferimento alla gara d’appalto avente numero di CIG: 828934363D, con la presente si richiedono i seguenti chiarimenti:

1. Il capitolato d’appalto, all’art. 3 pone a carico della società aggiudicataria di effettuare, prima dell’attivazione del servizio, la conversione dei dati dal software attualmente in uso al C.P.L. (Concilia della Maggioli) e renderli disponibili, implementabili e modificabili nel software gestionale fornito per il proseguimento …… Orbene, per poter garantire l’effettiva migrazione dei dati richiesta, è necessario che la S.A. pubblichi gli esatti tracciati record del sistema attualmente in uso così da permettere all’operatore economico che intenda partecipare alla gara, la verifica circa la fattibilità tecnica della stessa operazione in relazione al proprio software che intende proporre. Tale operazione di verifica non può che non essere effettuata nella fase di valutazione tecnica e non certo quindi a posteriori. In occasione della pubblicazione di tali tracciati, fermo restando gli ulteriori chiarimenti, si richiede la congrua posticipazione dei termini di presentazione delle offerte.

2. Il capitolato d’appalto, all’art. 3 precisa che l’aggiudicatario dovrà provvedere all’installazione del software su elaboratori predisposti (server) dei sistemi informativi dell’Ente e/o nel cloud computing in uso. Successivamente viene richiesto che il software deve avere una architettura a due livelli (obsolete) di tipo Client / Server…….. Tale formulazione oltre ad essere in contradizione in quanto un applicativo laddove installato in cloud prevede una architettura quantomeno a tre livelli e con tutte le procedure di autenticazioni necessarie alla salvaguardia della sicurezza informatica, presuppone l’installazione di un applicativo tecnologicamente obsoleto e diametralmente opposto rispetto alle linee guida dell’AGid. Si richiede pertanto la possibilità di offrire applicativi più evoluti sebbene tecnicamente non rientranti nella tipica infrastruttura Client/Server menzionata nel capitolato d’appalto.

3. Il disciplinare di gara prevede l’attribuzione di ben 12 punti attribuibili alla celerità di conversione dei dati dall’applicativo Concilia di Maggioli verso quello proposto. Tale formulazione a parere dello scrivente avvantaggia, in maniera illogica ed irrazionale, l’attuale gestore/possessore del sistema fornito all’Ente il quale non dovrà effettuare nessuna attività di migrazione dei dati. E’ del tutto evidente la violazione dalla par condicio tra il gestore uscente ed un nuovo eventuale gestore che intenda offrire un software diverso da quello già in uso, ossia del sistema CONCILIA della MAGGIOLI. Inoltre non si comprende l’attribuzione di tale punteggio quando invece questa attività era menzionata quale onere a carico dell’aggiudicatario. Si richiede pertanto l’eliminazione di tale punteggio dalla griglia presente nel disciplinare, con conseguente ripubblicazione dei documenti di gara debitamente corretti e privi di qualsivoglia forma di facilitazione (seppure formulata in buona fede) nei confronti di un determinato operatore economico.

4. L’offerta economica, consta dei seguenti importi a base d’asta per la parte riferita alla gestione del ciclo sanzionatorio: a. € 2,90 per ogni atto inserito nel sistema; b. € 6,00 per ogni atto inserito e postalizzato/notificato. Riguardo al punto a) si richiede conferma che tale importo è da ritenersi da conteggiare per ogni verbale inserito nel registro cronologico della sanzioni; Riguardo al punto b) si richiede conferma che tale importo verrà corrisposto per ogni atto da notificarsi sia a mezzo PEC che a mezzo Posta ordinaria. In tale ultima circostanza, per notificazione si intende la consegna/notifica a poste italiane e/o ai messi notificatori degli atti da notificarsi all’effettivo destinatario. Infine si richiede conferma che le due voci a) e b) si sommano solamente allorquando vi sia un atto da doversi notificare; per tutti gli atti che non necessiteranno di stampa poiché pagati dall’utente ancor prima dell’effettiva notifica (Es. preavvisi di sosta), l’importo corrisposto sarà solamente quello di cui al punto a).

5. Relativamente all’attività di riscossione coattiva, si richiede come saranno da imputarsi le spese per inesigibilità. Più precisamente si richiede se le stesse – per le partite che resteranno insolute, rimarranno a carico del Concessionario per la riscossione oppure se potranno essere ri-addebitate all’Ente secondo le tabelle ministeriali.

Risposta:

 

Si precisa che:

  • Per quanto concerne l’attività di trascodifica si rimanda a quanto indicato nel chiarimento n. 17.

 

  • il software gestionale che verrà fornito direttamente e messo a disposizione dall’aggiudicatario del servizio, dovrà essere installato su cloud esterno. Eventuali migliorie tecniche verranno valutate in sede di gara.

 

  • L’importo di euro 2,90 al netto del ribasso offerto in sede di gara, ai sensi dell’art. 3 del Disciplinare, verrà corrisposto all’appaltatore per il servizio relativo ad ogni atto inserito al sistema data-entry.

 

  • L’importo di euro 6,00 al netto del ribasso offerto in sede di gara, ai sensi dell’art. 3 del Disciplinare, verrà corrisposto all’appaltatore per il servizio relativo ad ogni atto inserito al sistema data-entry e postalizzato, sia esso inviato tramite il servizio postale o tramite servizio PEC, al netto delle spese di spedizione e notificazione se e come dovute.

 

  • Relativamente all’attività di riscossione coattiva, si rimanda a quanto indicato nel chiarimento n. 8.

 

 

 

FAQ n. 19

Domanda:

CHIARIMENTO N.  19 SU IMPULSO DELLA STAZIONE APPALTANTE  (PRECISAZIONE RISPETTO AL CHIARIMENTO 14 – RISPOSTA 1.)

Risposta:

L'importo di ciascuno dei due servizi di cui al p. 7.3, lett. a) del disciplinare di gara a cui si fa riferimento è inteso nella globalità dei servizi in affidamento  (fase ordinaria e fase coattiva).